Cosa è FameLab

Tre minuti e una manciata di parole per comunicare al pubblico un argomento scientifico che ti appassiona. Se sei uno scienziato, un ricercatore o uno studente universitario e hai voglia di mettere alla prova il tuo talento di comunicatore, puoi partecipare a FameLab Italia

Dal 2012, grazie alla collaborazione tra British Council e Psiquadro, FameLab è approdato in Italia coinvolgendo un numero crescente di partner.

FameLab è un evento ideato da Cheltenham Festivals e promosso a livello mondiale dal British Council in 30 differenti paesi.

Come in ogni talent show, i partecipanti vengono giudicati da una giuria di esperti provenienti dal mondo della scienza e della comunicazione.  I vincitori nazionali si confrontano con i vincitori della competizione in altri 30 paesi del mondo. La finale internazionale si svolge a giugno durante il Cheltenham Science Festival, nel Regno Unito, 

FameLab Italia 2018

In Italia l’evento è organizzato da Psiquadro in collaborazione con il British Council Italia. 

La competizione FameLab Italia ha visto le selezioni locali in diverse città, dalle quali sono stati selezionati i 18 finalisti che hanno preso parte alla FameLab Masterclass, un workshop di formazione in comunicazione della scienza. Le città che hanno ospitato quest'anno le selezioni locali sono state: Ancona, Catania, Foggia, L'Aquila, Modena, Napoli, Padova, Perugia, e Trieste.

I finalisti si sono affrontati nella Finale, lo scorso aprile, presso l'Auditorium Parco della Musica di Roma, che ha decretato come vincitore Riccardo Impavido, studente di Fisica, presso l'Università di Padova.

Dal sito di Media Inaf:

“ (...) Riccardo Impavido, 20 anni, si è aggiudicato la finale italiana di FameLab lo scorso 20 aprile 2018 spiegando in tre minuti perché il tempo, fisica quantistica, è una variabile di cui si può fare a meno. 

Riccardo, si confronterà con 30 concorrenti di altrettanti paesi del mondo, nella finale di FameLab del prossimo giugno 2018 a Cheltenham, in Gran Bretagna, durante il Cheltenham Science Festival.

Venerdì 20 aprile, si è svolta infatti a Roma, al National Geographic Festival delle scienze, la finale nazionale di FameLab Italia. In gara 18 giovani, ragazze e ragazzi, che si erano distinti nelle competizioni locali svoltesi negli scorsi mesi in tutta Italia. A Riccardo sono bastati i primi 10 secondi, dei tre minuti che aveva a disposizione, per convincere sia la giuria che il pubblico che era lui il vincitore. Dieci lunghissimi secondi di silenzio in cui il giovane studente di fisica, con estrema pacatezza, ha guardato il pubblico senza parlare. Gli altri 170 secondi gli sono invece serviti per raccontare, con una metafora semplice ma efficacissima, un aspetto della fisica quantistica estremamente complesso: e cioè che il tempo, in questo campo, è una variabile di cui si può fare a meno.

Riccardo era stato selezionato a Padova, dove il FameLab locale è organizzato da Pleiadi Science Farmer, con capofila l’Università di Padova e l’Inaf – Osservatorio astronomico di Padova. Ed è la seconda volta in pochi anni che Padova porta sul palco di Roma un grande talento: nel 2015 era stato l’astrofisico Luca Perri, che ha poi continuato la sua carriera di divulgatore scientifico (...)”

Link esterno